Sabato 31 Ottobre 2020

Valenza

Lele Rachiele, candidato Lega, denunciato dai Carabinieri per simulazione di reato

Denunciò di essere stato aggredito da un ragazzo di colore. Con lui nei guai un amico 

Lele Rachiele, candidato Lega, denunciato dai Carabinieri per simulazione di reato

Emanuele Rachiele

VALENZA - Aveva denunciato un’aggressione a Valenza nei pressi del cimitero. Un ragazzo di colore, secondo il suo racconto, aveva tentato di scipparlo del marsupio. Invece, Emanuele "Lele" Rachiele, candidato alle elezioni valenzane tra le fila della Lega, e l’amico minorenne che sarebbe corso in suo aiuto, sono stati denunciati dai Carabinieri per simulazione di reato (in concorso).

Lele Rachiele (che si muove in sedia a rotelle) aveva raccontato ai militari che  rientrando dal cimitero, si era visto piombare addosso un ragazzo di colore alto circa 1.80 che aveva tentato, strattonandolo, di strappargli il marsupio. In suo aiuto era giunto velocemente l’amico, minorenne, che aveva affrontato il balordo sferrandogli due pugni e riuscendo a metterlo in fuga. A quel punto la telefonata ai Carabinieri per denunciare l'accaduto.

“A parte lo spavento, fortunatamente sto bene - aveva dichiarato Rachiele - Poteva andare anche peggio, non potevo prevedere quali fossero le sue intenzioni". 

LEGGI L'ARTICOLO

LA TESTIMONIANZA SUL GIORNALE

LA TESTIMONIANZA DELL'AMICO

ODDONE IL GIORNO DOPO LA PRESUNTA AGGRESSIONE

Le indagini dei Carabinieri di Valenza hanno permesso di scoprire che si è trattato di un’invenzione. I giovani, a quel che sembra, avevano dichiarato il falso in sede di denuncia nel tentativo di acquisire notorietà all’interno della comunità locale.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.