Venerdì 10 Luglio 2020

SINDACATI

Riconosciute le notti di lavoro ad una Oss

La sentenza condanna un'escamotage volto ad evitare la maggiorazione del 10% degli emolumenti

Riconosciute le notti di lavoro ad una Oss

SALE - Storica sentenza del tribunale di Alessandria a favore di una lavoratrice Oss, ovvero un'operatrice socio sanitaria dipendente della Genus Società Cooperativa Sociale di Alessandria.

La lavoratrice prestava servizio alla casa di riposo Villa Cora di Sale ed era inserita in turni di lavoro che dovevano coprire le 24 ore; per difendere le proprie ragioni sosteneva di aver lavorato per l’intero periodo di lavoro prestando servizio in turni che prevedevano almeno cinque notti di lavoro al mese, ma nelle buste paga risultava la voce “indennità notte arretrata”. Questa dicitura mascherava le effettive cinque notti lavorate mensilmente per evitare il pagamento maggiorato del 10% come previsto dal CCNL delle cooperative sociali.

Il medesimo escamotage era già stato utilizzato per altri lavoratori ed infatti già in passato la UIL FPL di Alessandria, insieme all’avvocato Stefano Ena dello Studio Legale Associato Ena Gallina Lasagna Lunati di Alessandria aveva provveduto ad intraprendere altre azioni legali ottenendo sempre sentenze favorevoli ai lavoratori; ora il precedente può essere utilizzato anche dagli altri operatori socio sanitari.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Novi Ligure

Muore mentre fa
colazione al bar

02 Luglio 2020 ore 11:20
Serravalle Scrivia

Violenza
e sequestro di persona, arrestato 45enne

04 Luglio 2020 ore 09:15
La foto

Dorme, con la gamba ingessata,
sulla panchina

08 Luglio 2020 ore 16:22
.